VARIETA’  E   FORME   NEI   GUPPY

 le basi

L’enorme varietà di forme e colori rende arduo qualsiasi tentativo di riconoscimento da parte di principianti e navigati appasionati. Qui cercheremo di fare un pò d'ordine con delle tabelle e alcune spiegazioni.
Allevatori e appassionati nel corso degli anni sono riusciti a creare un’infinità di forme e colori partendo dal quasi insignificanti guppy selvatici. Quando ci si rese conto che stava diventato sempre più complicato descrivere una qualsiasi varietà appena selezionata, si decise di stabilire uno standard di riconoscimento valido, per grosse linne, in tutto il mondo.

Nacquero cosi gli standard di riconoscimento e classificazione. Ad oggi nel mondo ne esistono diciamo tre, uno per Stati Uniti, uno per l’Europa e uno per i paesi Asiatici (diversificandosi solo su alcuni punti).

Quindi descrivendo la forma della coda, il colore di base del corpo e il disegno-colore di corpo-pinne si è certi di capire e di far capire di quale varietà si sta parlando. Esempio: Ventaglio Ribbon Blond Half-Black Yellow Aoc è il nome finale di una varietà di guppy (complicato?)

Primo passo, riconoscere la categoria di forma della Pinna Caudale (la coda).


La foto mostra le 16 forme delle pinne attualmente riconosciute come standard. In ordine di apparizione in alto a sinistra abbiamo: FANTAIL, TRIANGOLO, VELA, BANDIERA, HALF MOON, DOPPIA SPADA, SPADA SUPERIORE, SPADA INFERIORE, LIRA, BADILE, PICCA, ROTONDA, SPILLO. Le ultime tre fanno parte delle "pinne lunghe" riconosciute solo nelle gare mondiali (WGC). Fra queste 16 sicuramente le più conosciute sono la forma a Triangolo o Delta, quella Fantail, spesso confuse fra loro, e la forma a Doppia Spada. Queste tre sono le forme più comuni e prodotte dalla maggior parte degli allevatori commerciali. Le altre forme invece vengono selezionate principalmente da allevatori privati appassionati di questo genere.

Secondo passo il riconoscimento del colore di base del corpo. Anche se a molti può sembrare semplice, personalmente ho riscontrato che molte persone fanno fatica a capire il concetto di colore del corpo, specialmente in varietà con colorazione corpo-pinne molto diffusa, che in qualche modo maschera la loro varietà di base. In effetti ad un occhio poco esperto in alcuni casi e con alcuni colori di base, il riconoscimento dei maschi a volte può essere difficile, molto meno invece per le femmine, che avendo meno colorazione mostrano più facilmente il colore di base. Sperando di semplificare il concetto useremo come esempio la specie umana. Essa in base al luogo d’origine ha colori della pelle differenti. Abbiamo i bianchi, i neri, gli asiatici con colorazione detta gialla, gli australiani, i pellerossa, ecc....A sua volta all’interno di ogni razza ci sono ulteriori differenze di colore, fra i bianchi abbiamo i mori, i biondi i rossi, quelli del nord europa spesso hanno la pelle di colore molto chiara, cosi come per i neri che in base al luogo d’origine la tonalità della pelle può essere più o meno scura. Questo è il colore di base del corpo. Ora a differenza nostra i Guppy oltre al colore di base hanno anche un’altra colorazione, quella più appariscente, fatta di colori e disegni diversi, ebbene questa seconda colorazione, rappresenta l’abbigliamento. Se un bianco moro si veste tutto di nero, non diventa un nero, ma sarà un bianco vestiro di nero. Un bianco di carnaggione molto chiara si veste da arlecchino, sarà sempre un bianco non diventerà un multi colore, e sarà distinguibile dall’altro bianco vestito di nero, perchè ha il colore di base più chiaro, è un bianco dalla pelle chiara. Cosi accade per i guppy, che hanno un colore di base del corpo più la colorazione di corpo-pinne. 

LE COLORAZIONI BASE DEL BODY (corpo) nei guppy sono dieci : GRAY, GOLD, BLOND, BLUE, PINK, ALBINO, WHITE, SILVER, CREME, LUTINO. In assoluto la varietà Gray (Grigia) è la più comune, a ruota segue la Blond e l’Albina. 

Colore base Gray                    Colore base Blond                Colore base Albino (occhio rosa)


 GRAY

Gray (grigio) colore base più selezionato, è il colore naturale del guppy selvatico, quindi spesso viene denominata colarazione Wild (selvatica). E’ dominante su tutti gli altri colori, quindi se si incrocia un Gray con un Blond in F1 il 100% dei piccoli saranno Gray.

 BLOND

Blond (biondo) è la seconda colorazione più selezionata al mondo, insieme al Gray formano il 90% delle varietà prodotte a livello commerciale. Il blond è un carattere recessivo (non dominate), per avere una prole tutta blond è necessario che entrambi i genitori siano di colorazione blond. La caratteristica del blond è quella di avere una bassa quantità di melanina nelle proprie cellure, ciò conferisce al pesce una colorazione più chiara, il nero al massimo si presenta come grigio. Anche gli altri colori vengono influenzati, presentandosi sempre con una tonalità più chiara.

 ALBINO

L’Albino si presenta come la varietà blond, ma di colorazione più chiara. A differenza degli altri colori l’albinismo si può combinare con alcuni altri colori di base, come per esempio il bianco o il blu. Un’altra caratteristica, che tra l’altro permette di riconoscere subito un albino, è la colorazione rosa degli occhi di tutte le varietà. Negli albini il colore nero è assolutamente assente, ciò rende alcuni colori unici e particolari. Anche l’albino è recessivo.

COLORAZIONE CORPO PINNE

Ultimo passo, riconoscimento della colorazione di Corpo-Pinne. Questa caratteristica è molto più evidente e semplice da analizzare, se confrontata al colore di base del corpo. Però la notevole quantità di combinazioni possibili fra colori e disegni rende l’identificazione più complessa. Comunque, anche per questa caratteristica esiste uno standard di classificazione, che suddivide i colori e i disegni in 19 categorie combinabili tra loro. La tabella ne elenca le denominazioni (elenco aggiornato al 2010).

Non cercate di capirla fino in fondo, per ora, perchè è necessario conoscere e focalizzare prima le singole varietà esistenti, che verranno elencate e spiegate in seguito. C’è da dire però che in particolare questa classificazione (di corpo-pinne), è più facilmente applicabile a guppy da competizione, guppy show, che non a dei comuni guppy commerciali, ma ciò non toglie l’enorme aiuto che può dare nel loro riconoscimento. Passiamo alla spiegazione della sua applicazione. Come abbiamo detto la tabella elenca una serie di colori e di nomi di varietà ben precise. Dal numero 1 al numero 6 sono indicati colori, dal 7 al 19 sono elencati i nomi di determinate caratteristiche estestiche che determinano una varietà. Il termie cosi come è usato Corpo-Pinne indica il susseguirsi della definizione. Cioè prima si indica la colorazione-disegno del corpo e poi il colore della coda. Quindi se abbiamo un Half/Black Red (foto a sinistra) sarà indicato col nome della varietà dieci, 1/2 black, coda rossa 1, risultato 10+1. Comunque, diciamo pure che la cosa non è molto semplice, specialmente se non si ha ben chiaro il quadro globale, ma dopo un pò di pratica il riconoscimento sarà più semplice. Altri esempi:

il rosso può essere sostituito dal giallo dal bianco o dal blu, diventando cosi 10+2 o 10+5.

Invece per un guppy tutto rosso non si indicherà più 1+1 ma soltanto 1. Questo perchè , quando il colore della coda è uguale a quello del corpo è sufficiente indicare solo il codice del corpo. SnakGrenLo stesso vale quando ci si trova di fronte ad una varietà che esprime il proprio colore e disegno su tutto il corpo, per esempio lo snakeskin, qui a destra. Ed è proprio qui che la tabella può essere limitativa se si parla di guppy comuni. Perchè sebbene per una classificazione da gara, la sola identificazione snakeskin (num. 11) è sufficiente e non necessita di definirne il colore, che potrebbe essere rosso o giallo per esempio, per un guppy comune invece definire anche il suo colore è più esplicativo.

Per un guppy come questo l’identificazione tramite la tabela è un pò più complicata, diciamo che il il num.14, multicolore potrebbe andare bene, ma c’è il limite di 3 colori, quindi si potrebbe optare per il 15 o il 16, any other color, che sigmifica “altri colori”. Comunque un inquadramento per grosse linee può essere fatto, ma non è detto che il guppy in esame possa essere classificato, c’è anche la possibilità che si tratti di una varietà meticcia che non rientra in nessuna categoria.

Quindi da quello fino ad ora descritto è possibile determinare che un guppy, come questo raffigurato, lo si può definire: triangolo grigio mezzo nero rosso, con un codice di identificazione 2-1-10+1. Però visto che i termini di identificazione internazionali sono in inglese il guppy diventa un Delta Gray Half/Black Red.